Visite guidate ad Assemini
Assemini,  Home,  Visit Assemini

Visite guidate ad Assemini

È con grande piacere che creo questa nuova sezione in cui parlo delle visite guidate ad Assemini. Sto collaborando con guide turistiche ed escursionistiche abilitate e in questa pagina potrete trovare le date aggiornate delle visite guidate che si terranno ad Assemini. Al momento è prevista una visita guidata nel centro storico ma prossimamente potrebbero essercene altre.

 

Con il progetto Visit Assemini in collaborazione con lo studio grafico Mommotti Creative Design stiamo realizzando la guida informativa turistica e la cartina di Assemini, primo punto di riferimento per abitanti e visitatori. Ora è arrivato il momento di conoscere il centro storico grazie alla guida turistica Riccardo Angius, professionista della valorizzazione culturale, che vi accompagnerà in questa scoperta, creando un itinerario ad hoc.

 

 

Visite guidate ad Assemini: alla scoperta del centro storico

Visite guida ad AsseminiIl centro storico di Assemini racconta una storia affascinante in cui le chiese, le case campidanesi, i grandi archi dei portoni, le vecchie strutture del Conte Angelo Ceconi e i Cavallucci sui tetti ne sono testimoni. Tra queste stradine ci fu anche il laboratorio del grande ceramista Federico Melis che, in collaborazione con l’eccellente figolo asseminese Vincenzo Farci, portarono la ceramica artistica sarda ad alti livelli, dando un punto di svolta a tutta la produzione isolana.

 

Il centro storico di Assemini conta anche un gioiello dell’architettura bizantina, un unicum in tutta la Sardegna: la Chiesa di San Giovanni Battista, risalente al X secolo a.C.. Oltre all’importanza data dal suo stile architettonico questa piccola ma splendida chiesa conserva al suo interno delle testimonianze epigrafiche marmoree preziosissime. A pochi metri di distanza si trova la Chiesa di San Pietro, bellissimo esempio di architettura gotico-catalana del XV-XVI secolo. All’interno si possono ammirare l’altare di marmo intarsiato risalente al 1740 e il Crocifisso ligneo cinquecentesco da poco restaurato.

 

A pochi passi dalla Chiesa di San Pietro abbiamo un’altra interessante storia da raccontare, grazie alla collezione privata di trattori antichi di Mario Loddo, inseriti in una location altrettanto affascinante, le stalle del Conte Ceconi dei primi anni del ‘900. A fianco si trova l’altro ingresso delle stalle, utilizzato attualmente da varie associazioni folkloristiche.

 

Recentemente il centro si è arricchito ulteriormente grazie alla possibilità di visitare un’antica casa campidanese privata, risalente alla prima metà dell’800, chiamata Casa dei Centenari. Una casa che racconta la storia di diverse generazioni con testimonianze derivanti, oltre che dalla casa, da arredi, abiti e documenti, impreziositi dai racconti dei proprietari Carmelo Nioi e Rosalba Murgia.

 

 

 

 

 

 

 

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.