bastione di saint remy
Escursioni,  Home

Cagliari: Bastione di Saint Remy

Galleria Umberto I, Galleria dello Sperone e mostra su G.Galilei

Il Bastione di Saint Remy si trova a Cagliari, nel cuore della città vecchia, poco distante dal porto, dalla stazione dei treni, dalla stazione dell’ARST e dal capolinea dei bus CTM. Cagliari oltre ad essere il capoluogo della Sardegna è anche una bellissima città che si affaccia sul mar Mediterraneo. È ricca di storia, cultura, arte, archeologia, mare e buona cucina…che non guasta mai.

 

 

È una città da scoprire lentamente, e, tra le prime cose che ti consiglio di vedere, c’è il maestoso Bastione di Saint Remy. Da Assemini puoi raggiungerlo facilmente con il bus CTM n° 9 oppure in treno, entrambi arrivano fino a Piazza Matteotti e, da qui si può proseguire a piedi. Procedi verso Largo Carlo Felice e svolta poi a destra in via Manno, la via dello shopping cagliaritano. Arrivato in Piazza Costituzione gira lo sguardo alla tua sinistra e vedrai il Bastione di Sain Remy in tutta la sua imponenza.

 

 

Bastione di Saint Remy

basione di saint RemyIl Bastione di Saint Remy è stato costruito con colonne di calcare bianco e giallo provenienti dal colle di Bonaria, tra la fine dell’Ottocento e i primi anni del Novecento. Per la sua costruzione sono stati riutilizzati i vecchi bastioni cinquecenteschi costruiti dagli spagnoli. Da Piazza Costituzione si snodano le due scalinate in marmo, una a destra e una a sinistra, che portano prima in un pianerottolo, poi alla terrazza Umberto I, uno dei punti panoramici più belli della città.

 

Nel pianerottolo c’è l’accesso alla Galleria Umberto I, chiamata comunemente Passeggiata Coperta, e alla Galleria dello Sperone. La terrazza e la Galleria Umberto I sono stati il salotto e la passeggiata preferita dei cagliaritani fino alla seconda Guerra Mondiale. Nel 1943 fu danneggiato dai bombardamenti della Guerra e fu ricostruito nel 1958.

 

 

Bastione di Saint Remy: la Galleria Umberto I

La Gallerie Umberto I o Passeggiata Coperta, nel corso degli anni è stata utilizzata in diversi modi: inizialmente come sala per banchetti, poi durante la prima Guerra Mondiale fu adibita a infermeria; negli anni Venti fu usata come sede delle scuole Complementari, poi come ufficio del Tesoro; nel secondo dopoguerra fu un ricovero per gli sfollati e nel 1948 fu la sede della prima edizione della Fiera Internazionale di Cagliari.

 

 

Lo spazio interno è caratterizzato da un grande ambiente luminoso dipinto con colori accesi. La luminosità è data dalle grandi vetrate che caratterizzano l’ingresso, il lato sinistro (dove se ne contano undici), e la parte finale, da cui si può accedere al Giardino Sotto le Mura. Il pavimento presenta grandi mattonelle bianche, nere e grigie che formano disegni geometrici. La grande sala è divisa da arcate che formano un ambiente principale e due laterali. Oggigiorno viene usata per diverse iniziative culturali e come spazio espositivo. Attualmente ospita la mostra su Galileo Galilei, “Misurare l’infinito”.

 

 

Mostra su Galileo Galilei: “Misurare l’infinito”

bastione saint remyMostra in onore di Galileo Galilei, grande scienziato che, grazie al suo pensiero rivoluzionario fuori dagli schemi, e grazie alle sue scoperte e invenzioni, ha portato grandi innovazioni alla scienza. La mostra è divisa in sezioni con cui potrai scoprire le invenzioni con cui ha studiato la misura del tempo, della materia, dello spazio, tra cui il telescopio. Le macchine sono state riprodotte dalla famiglia Nicolai, famosa per aver ricreato anche quelle ispirate dai trattati di Leonardo, esposte a Firenze e in altre mostre internazionali. Attraverso pannelli esplicativi si può visitare la mostra autonomamente, oppure ci si può far accompagnare dalla guida.

 

 

Alla fine del percorso sarà possibile ammirare il prezioso libro di Galileo Galilei “Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo” del 1632 e prestato per l’occasione dalla sezione libri rari della Biblioteca Universitaria.

 

 

Alla fine della sala c’è una sezione con delle opere d’arte della Collezione d’Arte Contemporanea voluta da Ugo Ugo, direttore della Galleria Comunale d’Arte tra gli anni Sessanta e Ottanta. Con queste opere si è voluto sottolineare il rapporto tra arte e scienza, utilizzando la percezione ottica e visiva.

 

 

bastione saint remy
Laboratorio didattico

Sulla sinistra della Passeggiata Coperta, oltre le arcate, è stata allestita un’aula didattica in cui i bambini, e non solo, potranno cimentarsi con delle macchine speciali. È una sezione molto interessante in cui ci siamo soffermati anche noi per provare i diversi marchingegni. Lungo il corridoio, diviso da piccoli archi, possiamo ammirare la parete originale cinquecentesca dei bastioni spagnoli, fatta di conci di calcare, molto suggestiva.

 

 

 

La mostra è visitabile dal 12 marzo al 12 giugno 2022, dal martedì alla  domenica dalle 10 alle 18. Il biglietto intero costa 8,00€, ridotto 4,00€ e gratuito per i minori di 6 anni. La visita guidata ha un supplemento di 3,00€.

 

 

 

Galleria dello Sperone

Galleria dello Sperone

Dalla Passeggiata coperta si può accedere alla Galleria dello Sperone. Si accede entrando nello spazio dedicato al laboratorio didattico e proseguendo dritti. Qui la Galleria prende due vie, una sulla sinistra, in cui, attraversando un suggestivo corridoio, si accede ad una piccola sala in cui si può assistere alla proiezione di un vecchio filmato in bianco e nero. Continuando dritti si arriva ad un’altra parte della Galleria in cui viene proiettato il video “il suono dei pianeti”, registrati dalle sonde spaziali della NASA. Camminare nella Galleria è molto suggestivo, qui potrai vedere la parte più antica, quella realizzata dall’architetto e ingegnere militare Rocco Cappellino, al servizio di Carlo V dal 1552, per difendere Cagliari dalle incursioni nemiche.

 

 

Terrazza Umberto I e il Giardino Sotto le Mura

Puoi proseguire la visita uscendo dalla Passeggiata Coperta e continuando le scale fino alla Terrazza Umberto I, spendido punto panoramico in cui si può ammirare la città e da cui si vede la Basilica di Bonaria, la Sella del Diavolo e il Golfo degli Angeli. Tornando in Piazza Conciliazione e proseguendo lungo il Terrapieno si arriva al Giardino Sotto le Mura in cui, oltre le mura di Castello si possono ammirare alcune delle sculture del grande artista Pinuccio Sciola.

 

 

Condividi il post su Facebook e iscriviti alla newsletter per non perderti i nuovi contenuti, trovi il modulo d’iscrizione dopo la galleria fotografica!!

 

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.